Come si può impugnare un testamento?

da | Nov 25, 2021 | Regime patrimoniale della famiglia, Successione mortis causa | 0 commenti

Il testamento, atto che esprime le ultime volontà patrimoniali nonché morali del de cuius può essere impugnato e, in determinati casi, invalidato, rendendolo improduttivo di effetti.

Impugnazione del testamento olografo e pubblico: come fare e per quali motivi

Chi desidera promuovere un’azione volta a impugnare un testamento ha la facoltà di scegliere tre diversi tipi di azioni giudiziarie e nello specifico:

impugnare testamento

Il testamento annullabile

I casi di invalidità del testamento si ravvisano in nullità e annullabilità. Il testamento è invece annullabile quando presenta mancanze meno gravi rispetto alla nullità come, ad esempio il testamento olografo in cui manchi la data ovvero sia incompleta;

Casi di annullabilità del testamento pubblico e olografo o delle disposizioni testamentarie: i termini per l’impugnazione

Per il caso in cui un testamento sia annullabile, la relativa azione può essere proposta da chiunque vi abbia interesse ed entro cinque anni dal giorno in cui è stata data esecuzione alle disposizioni testamentarie.

Impugnazione del testamento pubblico e olografo per nullità formali e delle singole disposizioni: vizi formali e sostanziali.

Il testamento olografo e il testamento pubblico presentano elementi di tipicità che nel caso in cui manchino, rendono il testamento inesistente. Il testamento infatti è nullo quando presenta anomalie tali da rendere il testamento improduttivo di effetti poiché privo dei suoi elementi fondamentali. Dette nullità, a loro volta, possono essere di tipo formale – ad esempio, in caso di testamento olografo, si parla di nullità quando il testamento è stato scritto da una mano diversa da quella del testatore – ovvero di tipo sostanziale in cui sono ricompresi i patti successori o il testamento reciproco.

Impugnare con l’azione di riduzione le disposizioni testamentarie per lesione di legittima: il termine di prescrizione e le modalità

L’azione di riduzione è una misura messa a disposizione di alcuni soggetti predeterminati (i legittimari) di ottenere la reintegrazione della loro quota di legittima tramite la riduzione dei lasciti testamentari e delle donazioni in vita lesive delle loro spettanze: tale rimedio si prescrive nell’ordinario termine di dieci anni con la precisazione che, in caso le disposizioni da ridurre siano donazioni, il termine decorre dalla data di apertura della successione del donante.
In riferimento alle disposizioni testamentarie, invece, il termine decorre dalla data in cui il chiamato abbia accettato l’eredità.

I costi del procedimento di impugnazione del testamento

I procedimenti di impugnazione sono composti dalle spese vive (c.d.contributo unificato) ossia la tassa che viene versata allo Stato per l’avvio del giudizio. Unitamente ad essa occorrerà corrispondere anche le spese per effettuare le notifiche, le marche da bollo nonché l’imposta di registro che si versa al momento della pubblicazione della sentenza (che non sarà dovuta in caso di abbandono della causa per sopraggiunto accordo). Oltre a queste spese è opportuno considerare anche l’onorario dell’avvocato è libero e quindi può variare, anche sensibilmente, da professionista a professionista.
Si precisa che non è tenuto a pagare né contributo unificato, né bolli, né spese di notifica, né tantomeno l’onorario dell’avvocato chi ha un reddito inferiore a 11.493,82 euro annui (nel calcolo sono compresi anche i familiari conviventi) avendo questi accesso al cosiddetto gratuito patrocinio.

Chi può impugnare un testamento?

Il procedimento di impugnazione può essere attivato da chiunque abbia un interesse diretto a ottenere la pronuncia.

Impugnazione testamento: termini di prescrizione

I termini di prescrizione variano a seconda della situazione da tutelare:

  • 10 anni dall’apertura della successione in caso di azione di riduzione volta a ridurre le disposizioni testamentarie lesive delle quote dei legittimari;
  • 5 anni dall’apertura della successione nel caso in cui ci si trovi dinanzi a un testamento falso;
  • 5 anni dal giorno in cui sono state eseguite le disposizioni testamentarie in caso di testamento redatto da un incapace;

La petizione di eredità

Da ultimo è bene segnalare che, ai sensi dell’Articolo 533, del codice civile l’erede ha il diritto di chiedere il riconoscimento della sua qualità ereditaria contro chiunque possegga tutti o parte dei beni ereditari allo scopo di ottenerne la resituzione.
Si ricorda che detta azione, a differenza dell’azione di riduzione (riconducibile solo a determinati soggetti) può essere esperita da chiunque sia stato istituito erede dal de cuius e contro chiunque vi si opponga possedendo i beni ereditari senza titolo.
Detta azione inoltre è imprescrittibile.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *