Ragione sociale: cos’è e come sceglierla

da | Lug 26, 2022

Il termine ragione sociale, nell’ordinamento italiano, viene usato anche per indicare il nome e il tipo di una società di persone (Società Semplice, Società in Nome Collettivo e Società in Accomandita Semplice).

Il termine ragione sociale, nell’ordinamento italiano, viene usato anche per indicare il nome e il tipo di una società di persone (Società Semplice, Società in Nome Collettivo e Società in Accomandita Semplice).

La “ragione sociale” può corrispondere anche a un nome di fantasia e deve sempre contenere l’indicazione del tipo di società (anche mediante acronimo s.n.c., s.a.s. o ss.) e il nome di uno dei soci illimitatamente responsabili.
Nelle società in nome collettivo la “ragione sociale” deve contenere il nome di uno o più soci indifferentemente, mentre nel caso di una società in accomandita semplice essa deve contenere il nome di almeno un socio accomandatario (socio con responsabilità illimitata).
L’indicazione del tipo di società è necessaria per informare i terzi che non si tratta di un’impresa individuale ma di un’impresa collettiva, sotto forma di società.

ragione sociale

La “ragione sociale” viene pubblicizzata del Registro delle Imprese in occasione della iscrizione dell’atto costitutivo della società oppure in occasione delle modifiche ai patti sociali.

Differenza tra ragione sociale e ditta

Mentre la ragione sociale rappresenta il nome delle società di persone, la ditta è il nome commerciale di una ditta individuale. La ditta ha la funzione di differenziare un’azienda dalla concorrenza ed è uno dei c.d. “segni distintivi” dell’impresa disciplinati dal Codice Civile. La ditta è un segno distintivo obbligatorio per l’impresa e può essere rappresentato dal nome dell’imprenditore, dalla sigla del titolare o da un nome di fantasia seguito dal nome e cognome del titolare. Deve individuare l’impresa senza possibilità di confusione e senza ingenerare fraintendimenti che possono associare la ditta ad altre imprese. Deve avere carattere di novità rispetto a quelle utilizzate dai concorrenti e rispettare i principi del buon costume e dell’ordine pubblico.

Qual è la differenza tra ragione sociale e denominazione sociale?

La denominazione sociale costituisce il nome nelle società di capitali (S.r.l., S.r.l.s., S.p.a.). A differenza della ragione sociale può non contenere il nome dei soci ed essere rappresentata da un nome di fantasia. Anche in questo caso deve essere indicato il tipo di società. Questo dipende dal regime di responsabilità che caratterizza le società di capitali (che hanno responsabilità limitata) e le differenzia dalle società di persone. Nelle società di persone, infatti, i soci (o alcuni di essi) sono illimitatamente responsabili e i terzi si possono rivalersi non solo sul patrimonio sociale ma anche su quello del singolo socio. Nelle società di capitali che hanno responsabilità limitata invece esiste una separazione netta tra il patrimonio della società e quello dei soci.

Come scegliere la ragione sociale

Nella scelta della “ragione sociale” è necessario rispettare i seguenti principi:

  • Il “principio di verità”: deve contenere almeno il cognome di un socio illimitatamente responsabile e non creare confusione sul tipo di attività che viene svolta;
  • Il “principio di novità”: deve essere nuova e caratterizzare in modo univoco l’impresa, differenziandola da quelle concorrenti. La novità deve essere intesa nel medesimo settore produttivo e/o territorio.

Come trovare la ragione sociale di una società di persone

La ricerca della ragione sociale può essere effettuata nella banca dati del Registro Imprese. In esso sono contenuti tutti i dati, attuali e storici, delle imprese che svolgano attività commerciale ai sensi dell’art. 2082 del Codice Civile.
La ricerca nella banca dati di “Telemaco” può essere svolta con diversi filtri:

  • Per nominativo
  • Per codice fiscale
  • Per partita iva
  • Per numero REA

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.